gest group press
Slider
gest group gestioni
Slider
Gest Group su "Il Sole 24 Ore"

Gest Group su "Il Sole 24 Ore"

Gestioni Turistiche

Articolo de Il Sole 24 Ore del 21/01/2021.

Algoritmi intelligenti per la gestione dell'ospitalità, avatar come concierge domotica per migliorare l'abitabilità, market piace sul quale scegliere, prenotare e pagare tutte le espe­rienze possibili nel territorio, al­berghi di piccole dimensioni e molto curati dal punto di vista tec­nologico, quartier generale ad An­cona in grado di controllare tutte le proprietà del gruppo ( dal marketing alla comunicazione).

Si chiama AGIO Comfy Place il nuovo progetto di Gest Group appena lanciato a Civi­tanova Marche e che, nei primi sei mesi di quest'anno, sarà replicato anche a San Benedetto del Tronto e in strutture in via di acquisizione al centro di Roma e di Milano, con l'ambizione di farne un progetto di franchising strutturato.

"Non vo­gliamo creare camere, apparta­menti o residence, ma luoghi pen­sati esclusivamente per il comfort del cliente, utilizzando in modo etico tutte le risorse delle più mo­derne tecnologie - spiega Eugenio Gallo, Ceo del gruppo-. È l'evolu­zione di quel processo di digitaliz­zazione che abbiamo iniziato vent'anni fa e realizzato per le no­stre prime 12 strutture che con­trolliamo, 7 del gruppo (un'ottava arriverà il prossimo anno, un 4 stelle al Co nero, ndr.) e 5 in gestio­ne."

Vendere esperienze persona­lizzate ad ogni ospite: un approc­cio data driven, che si mette defi­nitivamente alle spalle la vendita del prodotto camera a un cliente passivo, e che nel 2021 ha signifi­cato 10 milioni di fatturato ( +25%) e 200 mila presenze.

Lo sviluppo tecnologico è ga­rantito da competenze interne che provengono anche dalla Politecnica delle Marche: grazie a un accordo con il dipartimento di management, è nato in ateneo un competence center sul tema del marketing e delle vendite che Gest Group utilizza anche per le attivi­tà di ricerca su temi di frontiera per il management delle strutture turistiche e sull'evoluzione del settore.

"Il settore turistico conti­nua a essere sotto la minaccia del covid - dice Gallo-, per cui abbia­mo una sola strada per tornare a crescere: sviluppare sempre mag­giori competenze manageriali in­vestendo in attività formative al servizio del workflow aziendale, differenziarsi per acquisire nuove fette di mercato."

In quest'ottica, il sito Scorri è un altro progetto per essere diversi: nato per un'esigenza interna, è di­ventato il sito all'interno del quale il turista potrà scegliere, prenotare e acquistare le attività che intende svolgere senza essere disorientato una volta arrivato sul territorio; l'obiettivo è non avere intermedia­zione tra l'offerta esperienziale e il cliente interessato. È aperto anche alle strutture ricettive diverse dal gruppo, "che così potranno offrire un servizio in più», e per il mo­mento è in fase di sperimentazio­ne nelle Marche."